Yum China Holdings Inc. e Luigi Lavazza S.p.A. hanno annunciato che, nell’ambito della loro joint venture, intendono accelerare l’espansione del network di caffetterie Lavazza in Cina, puntando ad aprire 1.000 store entro il 2025. Saranno destinati inizialmente nella joint venture 200 milioni di dollari per finanziare la  crescita. Inoltre, si prevede che la joint venture diventi il distributore esclusivo di Lavazza in Cina continentale, introducendo più prodotti del portafoglio globale Lavazza.

All’inizio del 2020, Yum China, la più grande società di ristorazione in Cina in termini di vendite nel 2020, e il Gruppo Lavazza avevano dato vita a una joint venture per esplorare e sviluppare il concept delle caffetterie Lavazza in Cina.

La joint venture è detenuta da Yum China e Lavazza rispettivamente con una quota del 65% e del 35%. Il primo Flagship store Lavazza a Shanghai è stato inaugurato nell’aprile 2020. Da allora, Lavazza ha continuato a crescere, aprendo oltre 20 store in Cina tra Shanghai, Hangzhou, Pechino e Guangzhou.

“Il settore del caffè in Cina presenta un enorme potenziale, ci sono vaste zone ancora inesplorate. Yum China, che vanta una profonda conoscenza dei consumatori e delle dinamiche di mercato locali, è il partner ideale per far crescere il brand Lavazza in questo mercato. Allo stesso modo, riteniamo che Lavazza sia il marchio premium perfetto per consentire a Yum China di concretizzare le proprie ambizioni nel settore del caffè”, ha affermato Antonio Baravalle, CEO del Gruppo Lavazza.

Con 22 punti vendita Lavazza al 31 agosto 2021, la joint venture prevede che le caffetterie saranno più che raddoppiate entro la fine dell’anno. La partnership, inoltre, rafforzerà le risorse utili a migliorare l’efficienza in termini di operatività in negozio e di attività di branding e marketing.

Infine, la joint venture commercializzerà, venderà e distribuirà in Cina continentale i prodotti retail di Lavazza come caffè in grani, caffè macinato e capsule.