E’ partita il 26 febbraio la campagna pubblicitaria “Kimbo, una tazza di Napoli”, una nuova storia pronta a riaffermare il legame della marca con il proprio territorio di appartenenza; un racconto che ritrae una Napoli in grado di comunicare bellezza, cura ed eccellenza, ma anche l’internazionalità del brand, rafforzando così tutto il saper fare della storica azienda partenopea riconosciuta nel mondo. Un ritorno importante, da parte di Kimbo, che mette al centro la quotidianità di una “semplice” tazza di caffè.

La nuova campagna pubblicitaria, sviluppata da Serviceplan Italia con la direzione creativa di Stefania Siani e la regia affidata a Federico Brugia, segna una svolta importante nel percorso della marca che lancia l’iconico slogan “Kimbo. Una tazza di Napoli”, con cui la torrefazione partenopea entra nella vita delle persone ponendosi come simbolo di una Napoli autentica e aspirazionale.

Sarà ancora una volta Serena Autieri a diffondere l’aroma di Kimbo come una musica, reinterpretando in modo dolce e ipnotico uno dei jingle più famosi della storia del marchio: la samba di “El Kimbo”

Al centro di una campagna di comunicazione integrata che sarà promossa in continuità per tutto il 2021, il nuovo spot sarà veicolato in formati da 30” e 60” con un lancio di alto impatto mediatico sulle principali reti tv nazionali e sul web.

Oltre 900 i passaggi tv, di cui oltre il 30% concentrati nel primo weekend di lancio, con una quota di “prime time” del 52% e un investimento lordo di 11.000.000 €. Tra le emittenti tv previste Rai, P80, Digitalia, Cairo, Dme, Sky Pay, Sky Free.

Parallelamente, sul web il nuovo spot rientrerà all’interno di una pianificazione video e display finalizzata alla conquista di un target metropolitano, giovane e dalla forte esigenza di sperimentazione.  Una campagna digital del valore di oltre 250.000 € con un planning a supporto del lancio in tv e un presidio dei principali broadcaster online, tra cui: Premium News, Corriere News, La7, Ilsole24, Sky Tg24, Sky Sport, Mediaset Play, Rai Play, Discovery+, Youtube.