IVS Group S.A. ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2019, che evidenzia una crescita anche in un debole scenario economico.

Sintesi dei risultati al 30 settembre 2019:

  • Fatturato consolidato pari a Euro 342,6 milioni.
  • EBITDA Adjusted pari a Euro 79,1 milioni con effetti IFRS 16; Euro 70,7 milioni esclusi effetti IFRS16.
  • Utile netto Adjusted pari a Euro 17,7 milioni con IFRS 16; Euro 18,5 milioni senza effetti IFRS 16.
  • Perfezionate 9 nuove acquisizioni in Italia e Francia, per un valore di circa Euro 37,7 milioni.

Il fatturato consolidato dei primi 9 mesi 2019 ammonta a Euro 342,6 milioni  con un incremento del 6,6% rispetto ai Euro 321,5 milioni del 2018. I ricavi aumentano del 7,4% in Italia e del 7,1% in Francia, mentre scendono in Spagna (-7%) e in Svizzera (-1,5%, dove però aumenta la redditività). In aumento il fatturato della CGU Coin Service +18,3% in totale, di cui +7,1% nel business principale della moneta metallica e +51,2% nell’attività IoT e digitale della controllata Venpay.

L’andamento del fatturato nel Vending cresce in assoluto del 5,6%. In particolare, in Italia si registra un aumento delle vendite, a parità di perimetro e giorni lavorativi, dello 0,7% con un calo dei volumi pari al -1,3%. In Spagna si sono invece registrati forti cali dei volumi (circa -5,6% a parità di perimetro e giorni lavorativi), soprattutto presso alcuni grandi clienti industriali (automotive), già evidenziati nei trimestri precedenti.

In Francia sono in corso le attività di preparazione per l’avvio, da inizio 2020, dell’importante contratto vinto sulla Metropolitana di Parigi.

Il prezzo medio delle erogazioni del periodo è salito ad Euro 48,0 centesimi, da Euro 47,5 centesimi dell’analogo periodo 2018 (+1,1%).

Nei primi 9 mesi del 2019 sono state perfezionate 9 acquisizioni, di cui 8 in Italia e 1 in Francia, per un Enterprise Value complessivo di circa Euro 37,7 milioni.

La Posizione finanziaria netta, rispetto a Euro -348,5 milioni al 1° gennaio 2019, è pari a Euro -385,6 milioni, di cui Euro 60 milioni derivanti dalla nuova formulazione del principio contabile IFRS 16.

Nei 9 mesi sono stati effettuati pagamenti per investimenti netti complessivi pari a Euro 70,3 milioni, di cui circa Euro 39,2 milioni per investimenti tecnici netti  ed Euro 19,6 milioni per il pagamento dei prezzi delle acquisizioni che contribuiscono altresì all’incremento della posizione finanziaria netta con l’apporto dei loro debiti finanziari (Euro 11,1 milioni rimborsati per Euro 2,8 milioni al 30 settembre 2019). Sono, inoltre, stati pagati nel periodo dividendi per Euro 11,3 milioni.

A inizio ottobre 2019 IVS Group ha emesso un nuovo prestito obbligazionario, per nominali Euro 300 milioni, scadenza ottobre 2026, tasso fisso 3%. I proventi di tale emissione sono principalmente destinati al rimborso anticipato del bond scadenza novembre 2022, tasso 4,5%.

Il 7 ottobre 2019 IVS Group, attraverso la controllata IVS Italia S.p.A. ha acquisito il business vending di Fullin S.r.l., attiva in Veneto, per un prezzo provvisorio di Euro 2,0 milioni.