FAS si sta adeguando alle nuove normative europee che prevedono una diminuzione dei consumi energetici e, più in generale, un minore impatto ambientale dei distributori automatici.

Da marzo 2021 sono entrati in vigore, infatti, i cambiamenti in termini di Ecodesign ed Etichettatura Energetica.

“I nostri distributori automatici – fa sapere Fas in una nota – rispettano gli standard di risparmio energetico perché poniamo da sempre grande attenzione alla progettazione ecosostenibile. Nella nuova etichetta, le attuali classi energetiche vanno dalla A alla G con una sostanziale modifica dei parametri rispetto al passato. E’, inoltre, presente un codice QR collegato alla Banca Dati Europea per la verifica delle informazioni”.

Dal 2022 saranno vietati i gas HFC (Idrofluorocarburi ), come ad esempio  R134A e R404A, responsabili del riscaldamento globale. “Anni di sperimentazione – aggiunge il fabbricante di Schio – hanno portato FAS a essere oggi l’unica azienda del Vending ad adottare la tecnologia CO2 su tutta la propria gamma di distributori automatici”.

La CO2 è un gas totalmente naturale e normalmente presente sul nostro Pianeta. Ha un impatto ambientale quasi nullo, con il più basso potenziale di riscaldamento globale e inoltre  non è tossico, né infiammabile, né esplosivo.

“Ecco perché i distributori automatici FAS sono i più green, sicuri e prestazionali del mercato e sono quindi adatti in quei luoghi dove risulta difficile l’installazione di impianti frigoriferi caricati con fluidi infiammabili”, conclude l’azienda.

Inoltre i distributori automatici FAS della gamma Fast, Faster, Skudo, Easy 6000, già immessi sul mercato a partire dal 2004, possono essere dotati del nuovo gruppo refrigerante con gas CO2, senza il bisogno di sostituire l’intera macchina.