Vending solidale in Inghilterra. Action Hunger, un’organizzazione “no profit” britannica che si occupa dei senzatetto, ha installato distributore automatico all’ingresso di un centro commerciale a Nottingham. Il d.a. è privo di gettoniera e accettatore di banconote. Il motivo? Tutto ciò che è caricato all’interno è gratuito per le persone senza fissa dimora che possono utilizzare una scheda magnetica per prendere frutta, panini,  snacks, calzini, spazzolini da denti e altri generi di prima necessità. Per poter usufruire del servizio bisogna contattare l’associazione locale che si occupa di senzatetto e che fornisce una tessera di accesso.
“C’è l’esigenza per i senzatetto di avere a disposizione cibo e vestiti senza vincoli di orari – ha dichiarato il fondatore di  Action Hunger, Huzaifah Khaled – . I centri di accoglienza hanno, invece, risorse economiche e tempi di apertura ristretti. I d.a. sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7”.
Gli utenti possono prelevare ogni giorno fino a un massimo di tre articoli.

Per l’installazione delle prima macchina Action Hunger ha lavorato assieme a un’altra organizzazione per senzatetto: The Friary. L’idea ha subito avuto un grande successo e un benefattore ha deciso di regalare altri 100 distributori. Le vending machines sono caricate per ora dai volontari che usano anche cibo donato dai ristoranti locali. Grazie alla sinergia con UberEats, Action Hunger sarà, però, presto in grado di richiedere il rifornimento dei d.a. attraverso un’apposita app. Altri “distributori solidali” sbarcheranno negli Stati Uniti a New York, San Francisco, Seattle e Los Angeles.