Articoli Gli speciali di Vending Magazine

Le “Top 100” del Vending italiano rialzano la testa dopo la pandemia
Nel 2021 in miglioramento tutti i parametri economico-finanziari analizzati da VM/Cerved: aumentano i ricavi, ritrova una maggiore stabilità il Risultato Netto, l’Enterprise Value torna a superare il miliardo di Euro. Restano, però, ancora lontani i valori del 2019. L’outlook sul 2022 vede un mercato pronto a un’ulteriore crescita seppur con le incognite legate alla crisi economica. C’è un certo ottimismo verso il futuro
Top Rivendite 2021: tira il fiato il fatturato, soffrono gli utili
Il giro d’affari delle 25 Rivendite più grandi del Vending italiano si lascia alle spalle “l’anno nero” del Covid, con la somma dei ricavi non così lontana rispetto a quella del 2019. La crescita è stata condizionata, però, dal rialzo dei listini di vendita per l’impennata dei costi aziendali. Stesso discorso varrà per il 2022, in cui si stima un balzo in avanti dell’8/9%. Cartina al tornasole del quadro ancora instabile per il comparto è la ridotta marginalità
Fabbricanti Vending: nel 2021 riprende vigore il business
La crescita dei ricavi sul 2020 è stata di 95 milioni di Euro. Migliorano i valori del Risultato Netto e dell’EBITDA. Nel 2022 si prevede un incremento medio del fatturato pari a circa il 22% (ma con valori molto differenti tra le varie aziende), dovuto soprattutto all’aumento dei listini delle macchine per l’esplodere dei costi delle forniture
L’impresa veneta anche nel 2020 risulta la migliore gestione in Italia in base alla graduatoria redatta da Eidos Consulting prendendo in considerazione 5 parametri economico/finanziari. Al secondo posto rimane Pellegrino Vending, al terzo sale DI.TO. Break. Le realtà presenti in classifica con il fatturato più alto sono Molinari e Sogedai
La pandemia costa ai Grandi Gruppi del Vending 260 milioni di ricavi
Il fatturato dei Gruppi nel 2020 ha subito una contrazione pari al -22,5%. Nel 2021 le grandi concentrazioni nazionali sono tornate a crescere (+18% sul 2020), ma nessuna è ancora ai livelli pre-Covid. Il nuovo anno si è aperto con le operazioni di IVS con Liomatic e GeSA che porteranno alla nascita di un aggregazione in grado di rappresentare il 21% del mercato
Il Covid frena la redditivitĂ  dei fabbricanti di d.a.
Quello dei costruttori di distributori automatici è stato il comparto merceologico più colpito dai durissimi lockdown del 2020. Tra gli indici di redditività si mantengono stabili il rapporto di indebitamento e gli oneri finanziari sul fatturato
La crisi economica per il Covid-19 fa andare in “rosso” tutti i principali indici di bilancio. 94 Imprese di gestione su 100 hanno perso fatturato rispetto al 2019. Il Risultato Netto è negativo per oltre 68 milioni a causa della pesante perdita di Gruppo Argenta. L’Enterprise Value delle “Top 100 – 2020” finisce sotto il miliardo di Euro. Nel 2021 torna il segno positivo nel settore, ma si è ancora lontani dai livelli pre-pandemia. I futuri equilibri del Vending italiano dettati dalle aggregazioni tra i Grandi Gruppi
La crisi da Covid-19 “morde” i grossisti del Vending. Tutti i parametri sono negativi. Cresce praticamente solo chi ha il core business nel caffè porzionato. Previsioni ottimistiche per la chiusura del 2021
I costruttori pagano i minori investimenti da parte dei gestori, paralizzati nelle loro attivitĂ  dai vari lockdown. Nel 2021 si stima una crescita dei fatturati di circa il 20%
I dati che emergono dall’analisi di Eidos Consulting su base fatturato 2019 confermano, ancora una volta, che la Distribuzione Automatica rappresenta un settore che contribuisce, in maniera importante, al benessere economico del territorio in cui le sue aziende operano
L’analisi di Eidos Consulting sulle 25 gestioni più grandi nel 2019. Rimane forte l’impatto sulla collettività delle aziende del Vending, sia dal punto di vista economico che di sostenibilità sociale. Di questo dobbiamo ricordarci soprattutto in questo periodo di crisi
Il fatturato complessivo delle 12 maggiori realtà di settore è stato di 1,167 miliardi di Euro, ovvero circa il 51% del comparto gestioni in Italia. La maggiore crescita in percentuale rispetto al 2018 è di Illiria. Per 5 gruppi, invece, si registra un calo di fatturato. Perdite pesanti nel 2020 a causa del Covid
L’analisi di Eidos Consulting evidenzia che nel 2019 le aziende di gestione leader del nostro settore potevano contare su indici di redditività positivi, sostanzialmente stabili rispetto all’anno precedente. Lo scenario muterà nel 2020 a causa della pandemia
In miglioramento alcuni indicatori squisitamente finanziari, continuano a contrarsi i margini
Si concentra il fatturato nelle mani dei top player nazionali ma il mercato resta frazionato. IVS sempre leader. Scende l’utile complessivo delle “Top 100” ma incide pesantemente la perdita di Argenta. L’EBITDA segna il passo. Scenario complicato per il 2020
In crescita i ricavi del comparto nel 2019. La “best performer” del fatturato è nuovamente la campana Velda. Ancora bassa la redditività. Cala l’EBITDA per la metà delle aziende del ranking. Lo studio di VM copre il 95% del mercato. Lombardia e Campania le regione leader. Il calo stimato per il 2020 è del 19-20%
Questo contenuto è riservato agli abbonati.