Cerca
Close this search box.

Parte ufficialmente in Piemonte il progetto tra Confida e Banco Alimentare

Ieri, presso la sede del Banco Alimentare del Piemonte a Moncalieri (TO), ha preso il via a livello regionale l’accordo nazionale firmato nei mesi scorsi da CONFIDA – Associazione Italiana Distribuzione Automatica e Fondazione Banco Alimentare. La collaborazione prevede la raccolta e la donazione delle eccedenze alimentari del settore della distribuzione automatica da parte di Banco Alimentare ad enti convenzionati che offrono aiuto a famiglie e persone in difficoltà. Il progetto raggiunge così le ultime tappe della penisola: Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria. In particolare, CONFIDA già nel 2021 aveva realizzato un test su alcune aziende associate piemontesi che in un anno avevano donato ben 20 tonnellate di cibo e bevande.

Erano presenti all’incontro, il Presidente delle Imprese di Gestione di CONFIDA Pio Lunel, il Direttore di CONFIDA Michele Adt, il Delegato delle regioni Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta di CONFIDA, Anna Reina, e Salvatore Collarino, presidente di Banco Alimentare Piemonte

Il Piemonte ha un ricco comparto di imprese del settore che conta oltre 261 aziende suddivise nelle diverse provincie: 151 a Torino, 36 a Cuneo, 25 ad Alessandria, 13 a Novara e a Vercelli, 10 a Biella, 9 ad Asti e 4 a Verbania.

Da oggi – commenta Pio Lunel, Presidente delle Imprese di Gestione di CONFIDAsi estende a tutto il Piemonte, l’accordo stipulato tra Confida e Banco Alimentare durante la fiera di settore Venditalia, con cui le eccedenze alimentari della distribuzione automatica verranno donate a chi ne ha più bisogno. Siamo fieri di poter contribuire a questa raccolta, rendendo il nostro settore sempre più solidale”.

Per la gestione del progetto i Banchi Alimentari regionali saranno infatti collegati con le 11 Delegazioni Territoriali di CONFIDA a cui partecipano tutte le società di gestione della distribuzione automatica iscritte all’associazione.

“L’attività del Banco Alimentare del Piemonte nel recupero dai gestori di distributori automatici è cominciata nel 2013 (9 anni), grazie alla generosità di un singolo operatore del settore”, dichiara Salvatore Collarino, Presidente di Banco Alimentare Piemonte, “in questi anni i volumi di cibo recuperato sono cresciuti e hanno raggiunto oltre 30 tonnellate nel 2021, l’equivalente di 60.000 pasti, consolidando l’attività anche in questo canale di raccolta delle eccedenze e promuovendo ancora una volta la lotta allo spreco in un’ottica di solidarietà.

 

ARTICOLI DELLO STESSO NUMERO
Questo contenuto è riservato agli abbonati.