Cerca
Close this search box.

LA SCELTA ECOSOSTENIBILE DI CAFFÈ BORBONE

Caffè Borbone è sempre alla ricerca di soluzioni “green” che rispettino l’ambiente.

In nome dell’ecosostenibilità nasce l’idea di recuperare i sacchi di juta, che contengono il caffè crudo: un modo per trasformare un “rifiuto” in una buona opportunità. Un potenziale scarto che, grazie all’idea “Eco Logica” di Caffè Borbone, si trasforma in qualcosa di utile. Ed ecco che i sacchi di juta dell’azienda si trasformano in shopper, utilizzate dall’azienda per contenere gli omaggi: un’idea che completa il kit “Accessori Compostabili” con palette in legno di betulla biodegradabili e bicchieri e cialde compostabili, perfette per la trasformazione in compost.

Le shopper di juta saranno realizzate dai ragazzi della piccola cooperativa sociale “I Camminatori di Exodus”, nata in seno alla sede della Fondazione Exodus di don Mazzi a Tursi, Matera, realtà che da oltre 35 anni lavora sul territorio nazionale per il recupero di ragazzi che vivono situazioni di disagio e dipendenze.

Il direttore marketing di Caffè Borbone, Mario De Rosa: “Caffè Borbone fa dell’ecosostenibilità uno dei punti cardine della propria mission, investendo risorse ed energie nella ricerca&sviluppo per trovare soluzioni sempre più innovative che rispettino l’ambiente. Il recupero e il riciclo sono altre delle azioni che caffè Borbone mette in campo per preservare l’ambiente, restituendo valore a quello che normalmente rappresenterebbe un rifiuto. Da qui nasce l’idea di recuperare i sacchi di juta utilizzati per il trasporto del “caffè crudo”, il seme del caffè. Un’operazione che ha una triplice valenza: recuperare gli imballaggi, creare un oggetto utile, dare un’opportunità generando lavoro”.

 Piera Vitelli, Responsabile sede e Presidente cooperativa:“Questa iniziativa si sposa appieno con il percorso e gli obiettivi del nostro lavoro. Lavorare e ridare nuova vita agli scarti è proprio del Dna di Exodus. Don Antonio, infatti, ripete sempre ai nostri ragazzi che è facile che, con le loro storie i ragazzi si sentano ai margini, scartati, ma tutti possiamo sempre “rinascere”, prendere nuova vita”. Non solo, questa è anche una grande opportunità per dimostrare che il mondo profit può incontrare e lavorare insieme al non profit…Una sfida che possiamo vincere insieme”.

 

 

 

ARTICOLI DELLO STESSO NUMERO
Questo contenuto è riservato agli abbonati.