I dati diffusi dalla Commissione Europea indicano che il forte caldo estivo si tradurrà in un calo della produzione di Barbabietola da Zucchero nel corso della stagione 2018-2019.  Nel dettaglio i tecnici della Commissione prevedono una contrazione nell’acreage UE della Barbabietola da Zucchero (-1,7%) con riduzioni localizzate soprattutto in Croazia, Polonia ed Austria.

Le piantagioni di Barbabietola si mostravano già come un elemento di preoccupazione all’inizio della primavera 2018, ma la calura successiva ha lenito, in un primo momento, questi timori. Successivamente, tuttavia, le condizioni climatiche si sono mostrate all’insegna di una marcata  siccità che ha influenzato lo sviluppo della Barbabietola nella maggior parte delle aree dedicate alla sua coltivazione, con le successive precipitazioni che hanno consentito un recupero solamente parziale.  Alla luce di quanto dichiarato dalla Commissione, la resa media della Barbabietola è attesa a quota 73,7 tonnellate per ettaro, nettamente al di sotto dalla resa della stagione passata e al di sotto del 3% rispetto alla media di riferimento.  La produzione complessiva è attualmente stimata in 126,2 milioni di tonnellate nel corso della stagione 2018-2019.

Rispetto agli anni passati, la Commissione prevede che il contenuto di Zucchero si rivelerà lievemente superiore grazie proprio al clima caldo descritto in precedenza. Questo dato, tuttavia, dovrà essere confermato nel corso dei mesi a venire, in quanto temperature “estreme” in fase di stoccaggio potrebbero comportare perdite nel contenuto di Zucchero.

Nel corso della stagione 2018-2019 la produzione di Zucchero è attesa a quota 19,2 milioni di tonnellate, ossia il 9% in meno rispetto alla stagione precedente, ma al di sopra della media quinquennale per circa l’8%.

Nessuna variazione di rilievo è prevista per le importazioni, mentre si potrebbe assistere a un calo delle esportazioni.

A fronte di un output globale a livelli da vero e proprio record nel corso della stagione 2017-2018, potremo, quindi, assistere a un calo della produzione nel corso della stagione 2018-2019. Questo allevierà la pressione sulla piazza globale, ma si prevede comunque un surplus elevato a 6,7 milioni di tonnellate.

Sul prossimo numero di novembre (n. 349), ospiteremo commento di Marie Christine Ribera (direttore generale della della CEFS, European Association of Sugar Manufacturers) a proposito delle stime della Commissione UE.

Fonte Commissione UE

A Cura di Picello Gabriele, Caporedattore di www.commoditiestrading.it